dieci lettere

“Potrebbero tornarti, come no… Potresti avere danneggiato qualcosa dentro per sempre, potresti non poter avere figli in futuro, o fare comunque molta fatica”. Ricordo bene le parole della ginecologa. Non nascondo che lì per lì pensai quasi “okay, vabbè, nulla di grave”, ma una volta uscita, con un po’ di vento che mi passava tra... Continue Reading →

Advertisements

specchi, pulsione di morte ed ansia di vita

Adoravo specchiarmi: mi sembrava che finalmente le gambe fossero al posto giusto, della giusta dimensione, della giusta proporzione: che meraviglia, le cosce non hanno un filo di ciccia di troppo, non c'è un frammento di pelle fuori posto, e i polpacci -il mio vecchio incubo!- guarda come sono snelli, lunghi, sottili. Complimenti, Carmen! "Hai gambe... Continue Reading →

di canzone in canzone, di nulla in nulla

No, non posso neanche provare a nasconderlo: amo Michael Fassbender, andrei a vedere qualunque cosa con lui, al cinema, anche la peggior stronzata del secolo -ed infatti un paio di volte l'ho fatto- senza pentirmene particolarmente, ma stavolta sono felice di aver speso solo due euro e se tornassi indietro forse li userei per le... Continue Reading →

qualcosa…

La famiglia di mia nonna possedeva un cinema. In cadore, negli anni '40 e '50. Proiettavano tutti quei film meravigliosi che oggi possiamo solo sperare di rivedere due volte ogni quinquennio in seconda serata in un canale sconosciuto della tivù. Suo padre era un partigiano, sua madre una ragioniera -una donna che si faceva rispettare,... Continue Reading →

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑