Il vuoto di Adriana, fino all’ultima canzonetta – “Io la conoscevo bene”

Un calcio al giradischi ed il nastro si riavvolge, pronto per registrare le prossime esperienze, per recepire stimoli nuovi, per cadere inerme in altre trame, per le ennesime diverse esperienze superficiali, che stanno lì, sulla membrana dell'anima. Adriana non è sola, non ha neppure un momento per stare con sé stessa, sembra quasi tema la... Continue Reading →

Advertisements

Celestina va in città | “Il sole negli occhi”

"A Castelluccio non ci torno più" Celestina è sola. Lascia il suo piccolo paesino impoverito dagli esiti della guerra e prende l'autobus per Roma, in cerca di lavoro: con lei, una logora valigia, un po' di abiti e la statuina di un angioletto bianco, a legarla alla sua origine, alla terra, all'infanzia. Sono i primi... Continue Reading →

Lasciamo che i media ci imbottiscano la testa di influenze su come il nostro corpo dovrebbe essere secondo qualcuno al di sopra (chi?, poi...), ci facciamo dire cosa mangiare, come mangiare, quanto mangiare per poterci permettere un costume da bagno, ci facciamo raccontare la storia dell'orso per poter credere di perdere peso con quattro tisane,... Continue Reading →

donne che la moda dimentica

Sono dal parrucchiere e mi hanno appena chiesto se, mentre aspetto il mio turno, voglio leggere una rivista. No, non ne ho voglia davvero, vorrei rispondere, perché il patinato che viene proposto alle donne, spacciato per contenuto da sogni -in realtà frustrante ostentazione di "vorrei ma non posso"- non mi interessa minimamente più. E invece... Continue Reading →

sparatoria in albergo

La verità è che non siamo mai pronti, mai proprio per nulla, a nulla. Né alla morte, né alla vita. Tutto scoppia un po' all'improvviso, tutto esplode senza avvisare, tutto arriva senza lasciare un messaggio di annuncio. Avete presente quando ci si presenta alla reception di un hotel, si lascia giù il nome e si... Continue Reading →

il mito inesistente del bikini body

Quante volte ci hanno detto che dovevamo cambiare qualcosa del nostro corpo? Con tutte le volte che mi sono sentita dire qualcosa dai giornali, a quest'ora dovrei essere un pezzo di plastica ambulante, o sepolta sotto una montagna di stracci coprenti. E invece sono ancora qui, e mi ostino ancora a mettere il costume, anche... Continue Reading →

dieci lettere

“Potrebbero tornarti, come no… Potresti avere danneggiato qualcosa dentro per sempre, potresti non poter avere figli in futuro, o fare comunque molta fatica”. Ricordo bene le parole della ginecologa. Non nascondo che lì per lì pensai quasi “okay, vabbè, nulla di grave”, ma una volta uscita, con un po’ di vento che mi passava tra... Continue Reading →

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑